Mese: marzo 2015

Piano

Postato il Aggiornato il

Piano Piano on the Road

Finalmente disponibile su Amazon a questo link

http://www.amazon.it/gp/product/B00UNQ1T56

Con l’arrivo della primavera è arrivato anche il DVD del documentario di Piano Piano On the Road.

Per rivivere l’emozione dell’avventura  di Alessandra Celletti e del suo pianoforte nell’intinerario sul Nuovo Carro di Tespi in giro per l’Italia.

Per chi c’era e chi ne ha sentito raccontare; per i tanti che hanno contribuito a costruire un sogno e per coloro che si sono fermati ad ascoltare.

Un documentario emozionante e sorprendente che colpisce dritto al cuore. Lo sguardo del regista Marco Carlucci restituisce il senso di una scommessa vinta e la determinazione di un’artista che non smette di entusiasmare.

locandina_pianontheroad

clicca sulla foto per ordinare il film ad Amazon

Biiiss da 6 a 32 mani sul pianoforte

Postato il Aggiornato il

Quattro chiacchiere con il M° Federico Alberto Spinelli e tanta musica sui tasti bianchi e neri

istantanea_001

Angela Sette al Nutizièri Bulgnais

Postato il Aggiornato il

Di evento in evento con ClapClap #12

Postato il Aggiornato il

Una semplice formalità al Teatro San Salvatore 28 e 29 marzo
Caldi di libreria: Emilia-Romagna Segreta
Song: Rossella Regina, Good Girl
Simone Cristicchi al Teatro di Marzabotto
Palcoscenici tarlati dall’archivio storico di Alberto Ceffo Gruppioni

“Emilia-Romagna Segreta” e l’intrigante Bologna

Postato il Aggiornato il


Vi aspetta in libreria

bolognaconnect

Comunicato stampa

Il libro si legge come un romanzo anche se è, in realtà, una guida attraverso i misteri della nostra regione. Che racconta, da Piacenza a Rimini, storie e personaggi di un territorio bello ed enigmatico. Tra culatelli, zie Filippa, contesse che muoiono per autocombustione, santi che proteggono dai terremoti, fantasmi c’è spazio anche per un delicato erotismo. Quello di Casanova, che anche da noi ne ha fatte di cotte e crude. E quello del Nettuno. Pieno di sorprese così come lo struscio che i bolognesi ben conoscono. E proprio il capitolo petroniano rappresenta una punta di diamante del volume: dando vita a un percorso inedito tra nostalgia e divertimento. Che si conclude con un anatema: mai più spaghetti alla bolognese.