storia

San Valentino a Bologna

Postato il

L’Estate Bolognese nella monumentale Certosa

Postato il Aggiornato il

fino ad ottobre visite guidate, racconti e storie,  storie di storia, concerti, teatro, danza, letture…

Mostra_Educare (1)

a cura di CatturaCERTOSA-01 direzione artistica Roberto Martorelli

Storia e Bulgnaiṡ — 8 agosto 1848

Postato il Aggiornato il

Vox popoli racconta che l’8 agosto 1848 i bolognesi crearono il termine dialettale Zarócc = Testone.

Si dice che alle richieste contro la fame dei bolognesi innanzi ai palazzi delle autorità, i soldati austriaci cercarono di allontanarli in punta di baionetta ordinando loro:
Zurück !, Indietro !.

Da questa incomprensione nasce l’espressione bolognese A sî pròpi di zarócc, Siete proprio proprio dei testoni.

8agosto

In questo ClapClap la 4° puntata di “Che storie in cucina”… e non solo

Postato il

ci sono anche flash per…

CANTA_DEI_CANTICI-frontespizioLIBRI: Cantico dei Cantici nella versione tutta bolognese di Stefano Rovinetti Brazzi – Maglio editore

Locandina SPORT: La partita del cuore per i vostri amici

I-GiovediDelLibro LIBRI: I giovedì del libro

with compliments
ciak_di_MichelaSartori

AraldicAldoJani

“Emilia-Romagna Segreta” e l’intrigante Bologna

Postato il Aggiornato il


Vi aspetta in libreria

bolognaconnect

Comunicato stampa

Il libro si legge come un romanzo anche se è, in realtà, una guida attraverso i misteri della nostra regione. Che racconta, da Piacenza a Rimini, storie e personaggi di un territorio bello ed enigmatico. Tra culatelli, zie Filippa, contesse che muoiono per autocombustione, santi che proteggono dai terremoti, fantasmi c’è spazio anche per un delicato erotismo. Quello di Casanova, che anche da noi ne ha fatte di cotte e crude. E quello del Nettuno. Pieno di sorprese così come lo struscio che i bolognesi ben conoscono. E proprio il capitolo petroniano rappresenta una punta di diamante del volume: dando vita a un percorso inedito tra nostalgia e divertimento. Che si conclude con un anatema: mai più spaghetti alla bolognese.

Emilia-Romagna Segreta è già in libreria la presentazione è stata in osteria

Postato il Aggiornato il

Il 19 febbraio 2015 a Bologna, da Pane Vino e San Daniele, è stato presentato il cahier de voyage Emilia Romagna Segreta. Presenti, Stefano Andrini, (curatore del volume) Mary Tolaro Noyes (autrice di uno dei capitoli su Bologna) e Aldo Jani Noè (autore dell’articolo petroniano). Moderatrice Chiara Sirk, musical guest Alberto Ceffo Gruppioni.

copertina

Contributi di

Stefano Aldrini – Introduzione

Piacenza segreta, un carattere riservato e ospitale
Francesca Fabbri Introduzione // Antonella Gigli Il Tondo // Alessandro MalinverniIl Museo Gazzola // Carlo FrancouLa casa degli aironi //  Maria Rosa PezzaEcco l’uomo // Mimma E. Berzolla GrandiLa rimessa dei locomotori //  Fausto FiorentiniI “paratici” del duomo  // Maria Grazia CacopardiLa Galleria Ricci Oddi  // Alessandra BonominiIl verde agricolo storico dentro la città //  Carmen ArtocchiniZattere di memoria // Giuseppina SchiaviLa “Batusa”

Parma segreta, città ducale baciata dalla cucina
Riccardo CeratiIl padre della cottura della mortadella // Padrone e operaio // Un avvocato particolare // Casacca, il paese fantasma // Chiara SirkLe Beccherie // La steccata // Una location cinematografica // Mariano VezzaliTestimoni della santità

Reggio Emilia segreta, quella dura vita da “tra”
Lisa BellocchiIntroduzione // Il Crostolo // Matilde di Canossa //  Pietra di Bismantova // Sala del Tricolore // I leoni di San Prospero // Al mare lungo l’Enza // Un Tibet sotto casa // Cappelletti e tortellini //  Bollicine 100% // Teatro Municipale // La Bassa

Modena segreta, quattro passi nella storia
Manuela Fiorini – Introduzione  // I segreti della Cattedrale // I Mostri di pietra // La Potta di Modena // I bassorilievi della Porta della Pescheria //  L’osso del drago // La lapide di Gundeberga // La seggiola del boia // La pietra ringadora // La Bonissima // La Secchia Rapita // La Croce della pietra // Il Golem // Le streghe e la Santa Inquisizione // I Templari // Il cimitero degli innocenti //  L’ara di Vetilia Egloge // L’ “Aqua dal Muriel”

Ferrara segreta, un mosaico pieno di mistero
Andrea Musacci – Introduzione // Lacrime miracolose // I cavalli di Parisina, amante tragica // Salvar dalle fauci // insaziabili degli usurai i bisognosi // La “passione della terra” del 1570: nobili e poveri sfollati in città // Don Domenico Vincenzo Chendi: tra calici congelati e salame da sugo // Carolina Boldrini Scutellari: quella coccarda tricolore // Un fantasma nel Castello: ovvero il regista Sturla imprigionato // Vie e piazze della Resistenza: la storia di Cerere Bagnolati // 
Quando Ferrara fu, per un giorno patria dei motori // Quella magnifica strada della mia infanzia

Bologna segreta, quelle bellezze sussurrate tra piazzette e stradelli
Aldo Jani Noè – Introduzione // Epopea del cinno // L’ombelico della città // L’angolo degli imbecilli // Lo struscio e la voce del fantasma // Il putto che dona un femore //  Tra Biasanòt e trappole d’amore // Il signore della rana e gli antenati di Frankenstein // Quando i pompieri giocavano a pallone // L’erotismo alla bolognese // San Petronio, un capolavoro dalla storia intrigante // Uno sguardo verso il cielo // La piazza e il collegio // Le grandi basiliche // Pedibus calcantibus // Come è bello andare in giro per i colli bolognesi // Mary Tolaro Noyes – Enigmatic Bologna // Bologna enigmatica

Ravenna segreta, bella di notteGiovanni Zaccherini – Dante ambasciatore, la beffa e il danno
Le due bellissime // Fantasmi a Ravenna // Il diavolo in convento // Ravenna, schermo del futuro // Guidarello, baci e sangue // Una Madonna sulla spiaggia // Il porco in parcheggio abusivo // Tutti al mare!

Forlì segreta, l’Atene di Romagna
Paolo PoponessiDove sono le vecchie mura? // Un assassino pentito // Abbattete quella colonna! // La comunità scomparsa // Pietro Bianco, il monaco misterioso // Quando a Forlì arrivò la ghigliottina // Dove la nobiltà era di casa // I bastioni del potere // Da chiesa a balera // C’era una volta Santa Maria della Ripa (e c’è ancora…)

Cesena segreta, il fascino discreto di una città sorprendente
Franco Spazzoli – Introduzione // Una festa tra santità e magia // La misteriosa torre // Gli occhi della civetta // Cesena città d’acque // Una precaria capitale // Una morte misteriosa // Giacomo Casanova tra magia e amori // Il “Palazzo del Diavolo” // Uno strano busto di Garibaldi // Il duello di Renato Serra // Una straordinaria ollezione // Arte al Cimitero

Rimini segreta, una cerniera tra culture diverse
Pier Luigi FoschiArco di Augusto // la comunicazione secondo l’imperatore // Il ponte del diavolo // Il Palazzo dell’Arengo // La chiesetta dei Templari // Sant’Antonio e il miracolo della mula // Tempio Malatestiano, il sogno di Scipione // La fontana della Pigna // Il papa e il patrono: una statua per due // La torre dell’orologio: di che segno sei? // Piazza Malatesta, la leggenda dei cunisandanielcoli // Sant’Emidio, una pala contro i terremoti

historica

Bologna e l’Emilia-Romagna più intime e celate saranno svelate Giovedì 19 febbraio, ore 18, presso “Pane Vino e San Daniele”, via Altabella 3, con la presentazione di “Emilia-Romagna Segreta”

Postato il Aggiornato il

clicca sull’immagine seguente per il trailer

EmiliaRomagnaSegreta_Locandina

Giovedì 19 febbraio alle 18 a Bologna la presentazione del volume Emilia Romagna segreta a Pane, Vino e San Daniele in via Altabella 3. Intervengono Stefano AndriniChiara Sirk e Aldo Jani Noè, curatore del capitolo petroniano. Guest star il comico e cantante Alberto Gruppioni Ceffo.

copertina“Emilia Romagna segreta” non è semplicemente una guida. Ma un “occhio di bue” lanciato a bomba come una cosa viva a caccia delle bellezze e delle curiosità della regione. Quelle dimenticate, sommerse dalla polvere del tempo. Quelle leggendarie, che pur poggiano su qualche fondo di verità. Quelle stranote, tanto scontate che le avviciniamo senza neanche più essere colpiti. In questo libro ci sono storia, arte, letteratura. I personaggi che hanno fatto grande la nostra terra. Alcuni davvero grandi, altri piccoli nonostante il potere enorme che hanno gestito. Ci sono i monumenti che da secoli definiscono il nostro skyline. I santi nati fianco a fianco con l’anticlericalismo. I capolavori e le piccole perle. Aneddoti che hanno fatto impazzire le gazzette dell’epoca. I grandi che hanno consumato cavalli e carrozze sulla strada consolare. Curiosità gastronomiche e cinematografiche. Ma soprattutto questo libro ha l’ambizione, alimentata con grande valentia da tutti i collaboratori, di essere un almanacco illustrato del nostro federalismo. Quello della bellezza e della diversità.

Scrive nella prefazione al capitolo bolognese Aldo Jani Noè: Bologna è città di bellezze nascoste, non gridate. È città di cultura antica, cifrata da una peculiare attitudine all’assunzione di fermenti provenienti da altrove e alla loro restituzione critica. Una città pronta all’elaborazione e alla reinvenzione. Per gustare Bologna bisogna immedesimarsi in un bulgnaiṡ doc”. Uno di quelli pronti a cogliere l’occasione per infilare nel discorso un sócc’mel: terribile lemma con cui deve confrontarsi chi si affaccia alla Città. Chissà se i viaggiatori dell’Illuminismo europeo che hanno qui soggiornato, ne avranno indagato il significato con un was?, what? o quoi?, per poi storcere il naso alla rivelazione.

Il capitolo bolognese è arricchito da un interessante contributo di Mary Tolaro Noyes, un atto d’amore di un’americana del Vermont alla città che la ospita. [Stefano Andrini]

CAPITOLI E AUTORI DEL VOLUME

Bologna segreta, quelle bellezze sussurrate tra piazzette e stradelli
Aldo Jani NoèMary Tolaro Noyes

Rimini segreta, una cerniera  tra culture diverse
Pierluigi Foschi

Reggio Emilia segreta, quella dura vita da “tra”
Lisa Bellocchi

Modena segreta, quattro passi nella storia
Manuela Fiorini

Forlì segreta, l’Atene di Romagna
Paolo Poponessi

Ravenna segreta, bella di notte
Giovanni Zaccherini

Cesena segreta, il fascino discreto di una città sorprendente
Franco Spazzoli

Ferrara segreta, un mosaico pieno di mistero
Andrea Musacci
Massimo Manservigi

Parma segreta, baciata dalla cucina: parla Andrea Zanlari – Presidente Camera commercio
Andrea Zanlari
Chiara Sirk Riccardo Cerati Mariano Vezzali

Piacenza segreta,  un carattere riservato e ospitale
Antonella Gigli
Alessandro Malinverni Carlo Francou Maria Grazia Cacopardi Alessandra Bonomini Carmen Artocchini Fausto Fiorentini Mimma Berzolla Maria Rosa Pezza Giuseppina Schiavi Francesca Fabbri