poesia

Un’illusione in versi di Maria Luisa Giannasi

Postato il

ULTIMA ILLUSIONE

Stella, stella cadente
nel oscuro cielo d’agosto
un desiderio nascosto
t’affidai da adolescente.

Stella, saetta lucente,
non rammenti il desiderio?
Non era niente di serio,
solo un amore nascente.

Ma ora, stella splendente
ascolta e non obliare
stavolta non puoi mancare
è cosa troppo importante.

Tu che dall’alto cielo
guardi nel gorgo profondo
cambia il destino del mondo,
squarcia dell’odio il velo!

Stella che passi veloce,
cancella dal mondo la fame,
fa che per tutti ci sia pane,
che si possa vivere in pace.

Tocca il cuor dei potenti
che non facciano guerra
che rispettino la terra
limitando i proventi.

Spero tu sia potente:
una regina dell’Universo,
ma un pensiero perverso
alberga nella mia mente.

So che alla fine del viaggio
del tuo saettar luminoso
sarai solo un sasso fumoso
in fondo a qualche crepaccio

Maria Luisa Giannasi

Annunci

Mauro Fornaro, scrittore e poeta

Postato il Aggiornato il

La poesia bulgnaisa ed Gigén Lîvra

Postato il Aggiornato il

PDB

Ponte della Bionda, martedì 28 giugno, ore 20:30

con l’Autore,
Fausto Carpani e Giorgio Comaschi

A Bologna c’è…

Postato il Aggiornato il

I segreti della Cucina dell’Emilia-Romagna a cura di Stefano Andrini
Dentro l’Opera con Piero Mioli all’Archiginnasio. Si parla di Lirica
Per I palcoscenici tarlati di Alberto Ceffo Gruppioni ci caliamo nel backstage di un match di basket negli anni ’90
Nutizièri Bulgnais Consiglia libri e teatri

Pôchi stòri, adès al Cantico dei Cantici, qual dal Rà Salomån, al psî lèżer anc in Bulgnaiṡ

Postato il

CANTA_DEI_CANTICI-frontespizio

RovinettiBrazzi_foto

 

Stefano Rovinetti Brazzi

Docente di greco e latino, studioso di lessicografia dialettale e filologia classica,
autore della raffinata versione in lingua bolognese, tratta dall’antico testo greco denominato “Dei settanta (fra il III e il I secolo a.C.)