letteratura

Algrî ed Nadèl – Gigén Lîvra 2018

Postato il

AlberoNatale

 

Chisà parché, pò, ste Nadèl dal dṡdôt
l um fà séntr acsé alîgher cme un fangén
ch’i i èven regalè żûg e bilén.
Am pèr d èsr un supêrstit dal träntôt,

ch’al s n infótt ed ste månnd ed vidariôl.
E acsé, dal panirån di mî pinsîr
csa i sèlta fôra? Quall ch’é stè: da ajîr
e andànd sänpr al indrî, pió indrî ch’as pôl.

Par fèr un quèl fât bän, parfèt, cum và,
a dscànzel dal zarvèl guèra e miṡêria,
a fâm, al fradd a lèt cómm in Sibêria,
e el båmmb ch’el fénn sparîr anc la mî cà.

Acsé a pôs stèr alîgher, mo che bèl!
Quand as é alîgher l’ânma la và in giôstra
e inción s la pôl §granfgnèr, l’é tótta nôstra.
L é prôpi quall ch’ai vôl anc par Nadèl.

Däntr al mî côr, algrî, séppet bänvgnó!
Al månnd, as sà, l é tótt un’aldamèra.
Mé a pôs fèr la mî pèrt, salvèr la Tèra,
però s’al féss zigànd a srêv futó.

Òcio, ragâz: l’à da èser algrî stièta,
mégga såul gósst e gnanc sudisfaziån
Algrî cme quand un cínno col såu man
l armaṡṡda int un buslôt ed cecolèta.

Chi é alîgr al digeréss parfén i sâs,
l é sänper bèl, al dôrum cme un anżlén,
l à un côr ch’al canta spass cómm un gardlén
e al sô vigåur an cgnóss inción ribâs.

Magâra dnanz a un cåulm ed tajadèl,
stän bän alîgher, ch’as cunvén a tótt.
I delincuént? I strónz? I farabótt?
I i én sänper stè. Stè alîgher. Bån Nadèl.

Lepri

 

Luigi Lepri (Gigén Lîvra) è uno dei più noti cultori e studiosi della lingua bolognese. Da anni porta avanti un grosso lavoro di divulgazione e conoscenza del dialetto attraverso articoli, conferenze, corsi, nonché come autore di numerosi volumi tra cui il Dizionario Bolognese-Italiano Italiano-Bolognese, scritto con Daniele Vitali per la nostra casa editrice. Dal 1995 al 2015 ha firmato una rubrica settimanale di dialetto sulle pagine bolognesi del quotidiano «La Repubblica» col titolo Dì bän só, fantè§ma!, da cui è nato anche un blog. Per Pendragon ha già pubblicato, oltre al citato dizionario, Dì bän só Bulågnna(2003); Una volta a Bologna si mangiava così (2004); Diciamolo in bolognese. Frasi di autori famosi interpretate in dialetto(2005), Fantè§ma di ritorno (2006), Bacajèr a Bulåggna. Fraseologia dialettale bolognese (2009) e, insieme ad Amos Lelli e Daniele Vitali, I proverbi di Bologna e dintorni con appendice inversa (2010)altre sue opere sono: Dialetto bolognese ieri e oggi (2011), Rime e zirudèl in dialetto bolognese, con traduzione in italiano (2014), Poeti petroniani del Duemila (2015, curato insieme a Daniele Vitali), Rusticàn (2016), Scherzi alla bolognese (2017).
Annunci

per ClapClap la Bologna di Cristina Orlandi e gli eventi della settimana

Postato il

BOLOGNA DA SFOGLIARE il programma di ogni serata

Postato il Aggiornato il

Martedì 19 giugno
INAUGURAZIONE

ore 20.30 Presentazione della Rassegna e del volume É tè prélla –  Bruno Lanzarini un bolognese in palcoscenico di Davide Amadei, Aldo Jani Noè, Patrizia Strazzari. Maglio editore. Gli autori rispolvereranno aneddoti dimenticati di questo straordinario ed importante uomo di teatro, tutto Bologna e palcoscenico, Attori della Compagnia Lanzarini (Paolo Mazzacurati, Roberta Montanari, Patrizia Strazzari) replicheranno sketch dal repertorio del grande Bruno.

Ore 21:45 Proiezione degli unici cartoon in bulgnais a tutt’oggi realizzati:
Pizunèra 1 e Pizunèra 2.
Due simpatici cartoni animati che ipotizzano la presa del potere a Bologna da parte dei piccioni di Piazza Maggiore
Introduce Claudio Mazzanti, autore e sceneggiatore di questi video. Produzione Loop Srl

Ore 22.30 La serata si conclude con una clip della durata di 5’, Walking di Andrea Recchia: treni, il ponte di Galliera, il monumento all’Olocausto, la Bolognina, un danzatore, un attore, una bella canzone composta appositamente, il protagonista e il suo cane: Il Rapsodico e Brian.

Giovedì 21 giugno

ore 18.00 Goethe a Bologna. Un viaggiatore frettoloso..
Conferenza del Prof. Stephan Oswald dell’Università di Parma sul breve soggiorno di Johann Wolfgang Goethe a Bologna.

Martedì 26 giugno

ore 18.00, presentazione del volume Gardlén di Serena Campi. Edizioni Nuova S1. Una Bologna che non c’è più ma non dimenticata. Con l’autrice Cesare Fauni, la sua chitarra e Renzo Ricci Garotti con l’armonica.

Giovedì 28 giugno

ore 18.00 presentazione del volume Emilia-Romagna Segreta a cura di Stefano Andrini. Editore Historica. Il curatore e alcuni autori di questa antologia  stuzzicheranno la curiosità del pubblico.
Stefano Andrini  e Aldo Jani Noè introdurranno alcuni itinerari descritti mentre l‘attore Andrea Cavalieri ne leggerà alcuni brani