Mese: luglio 2015

QUI tutto su Pracchia in Musica

Postato il Aggiornato il

PRACCHIAconLoghi

Pracchia in Musica
Concerti tra scoperte e tradizione

Si svolgerà dal 18 al 27 agosto la seconda edizione di Pracchia in Musica, rassegna di musica classica nel cuore dell’appennino pistoiese che trova la sua collocazione nella chiesa di San Lorenzo (via Nazionale, 134) di Pracchia (inizio ore 21, ingresso libero).Il repertorio privilegiato è quello cameristico, gli interpreti sono tutti professionisti della musica,di provata esperienza concertistica e didattica. La rassegna, che prevede tre appuntamenti, è diretta da Alberto Spinelli, pianista, concertista, direttore e docente di pianoforte al Liceo musicale “A.Bertolucci” di Parma in collaborazione con Club Il Diapason di Bologna e con il sostegno di alcune realtà istituzionali ed economiche della zona.
Martedì 18 agosto, ore 21, inaugura la rassegna un concerto di Davide Burani, arpista con unampio curriculum declinato nei campi del concertismo nelle sedi più prestigiose, della didattica (dal 2009 insegna Arpa presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” di ReggioEmilia), della divulgazione della conoscenza dell’arpa (ha inciso diversi cd). Il Maestro Burani proporrà “Fantasia di corde”: in programma brani di Alphonse Hasselmans, Gabriel Pierné, Marcel Tournier, Nino Rota e altri autori.
Lunedì 24 agosto la rassegna prosegue con una serata intitolata “Archi virtuosi”. DenisZannani,violino; Michele Pinto, viola, e Antonio Amadei, violoncello, eseguiranno musiche di Schubert, Vanhal e Telemann. I tre, accomunati dall’aver suonato in prestigiose orchestre (Orchestra Filarmonica della Scala, Orchestra del Teatro Regio di Parma, Orchestra Bollani di Milano, Gustav Mahler Jungendorchester…), sotto la guida di noti Maestri: Riccardo Muti, Yuri Temirkanov, Donato Renzetti, Lorin Maazel, ClaudioAbbado, dalla lunga esperienza nel campo della musica da camera, si sono ritrovati colleghi al Liceo musicale “A. Bertolucci” di Parma. Qui hanno pensato di costituirsi in Trio trovando un immediato affiatamento che li ha già portati ad esibirsi raccogliendo unanime consenso. Il programma che hanno scelto spicca per originalità. Non capita spesso, infatti, di ascoltare musiche del compositore ceco settecentesco Johann Baptist Vanhal, in vita celeberrimo esponente del Classicismo, famoso all’epoca quanto Mozart, e di Georg Philipp Telemann, contemporaneo di Bach e di Handel, considerato allora uno dei maggiori musicisti tedeschi.
Giovedì 27 agosto il cartellone di Pracchia in Musica si chiude con una serata ricca di grande musica eseguita da Stefano Franceschini, clarinetto; Michele Pinto, viola; Alberto Spinelli, pianoforte, con la partecipazione del soprano Incoronata Buttino. In programma alcuni capolavori: la Sonata Arpeggione D 821, per viola e pianoforte di Franz Schubert; il Kegelstatt Trio K 498, detto Trio dei birilli, di Mozart, e i Fantasiestücke Op. 73 di Robert Schumann, per clarinetto e pianoforte. Infine Der Hirte auf dem Felsen D 965, ovvero “Il pastore sulla rupe” di Schubert per soprano, clarinetto e pianoforte. Un programma dai toni fortemente romantici, in cui il sentire giocoso presente nel Trio di Mozart sfuma nel richiamo alla natura e nella vena malinconica di Schubert e nell’esuberante irruenza di Schumann. Una serata dedicata al dialogo fra i diversi strumenti, che si concluderà con il Lied schubertiano, un piccolo gioiello di espressività, in cui il soprano canterà di boschi, vallate, di precipizi rocciosi:un brano appropriato per un’iniziativa che si svolge nel cuore verde dell’appennino pistoiese.

Annunci

Con “Clap Clap” il secondo brivido di “Bloody Cult 2015”

Postato il Aggiornato il

bloodycult

di e con

Fabrizio Carollo

con cui collaborano

Matteo Righi ed Ettore Pancaldi

Questions…

Postato il

Sì, Bologna è proprio una città calda

Postato il

Golosità, horror, amore: “ClapClap” 25

Postato il Aggiornato il

Con un rigoglioso dessert si conclude il tour di Michela Sartori fra casseruole e fornelli abbinati ad antiche storie.

Tutto ciò mentre Fabrizio Carollo per bocca di Ettore Pancaldi promette che l’horror è qui che arriva.

Dulcis in fundo il nuovo tormentone musicale di Alberto Ceffo Gruppioni che ricorda a una misteriosa “Beibe” che “è l’ora di…”

CheStorieInCucina

ciak_di_MichelaSartori

Grande festa per gli 8 anni di Baruch !

Postato il Aggiornato il